Quando si parla di cessione del quinto, occorre ricordare che si tratta non solo della formula più gettonata in assoluto nel nostro Paese, ma anche della più controversa. A confermare quest’ultimo dato sono proprio le statistiche provenienti dall’Arbitro Bancario Finanziario, l’organismo stragiudiziale cui sono affidate le controversie tra consumatori e aziende di credito. Secondo Bankitalia nel solo 2017, ultimo anno di cui è possibile avere i dati, i dissidi relativi alla cessione del quinto hanno infatti costituito addirittura il 73% del complesso di ricorsi che hanno interessato l’ABF, segno evidente che qualcosa non funziona.

E’ del resto la stessa Banca d’Italia a chiedere agli operatori del settore di fare a meno di una lunga serie di comportamenti al minimo poco trasparenti, attuati con l’evidente intento di ingannare la propria clientela e aumentare ulteriormente i già lauti guadagni che questa formula comporta. Guadagni che derivano non solo da tassi d’interesse estremamente elevati, spesso al limite della soglia d’usura, ma anche da costi che compaiono all’improvviso nei contratti portano a livelli estremamente elevati il TAEG, Tasso Annuo Effettivo Globale, pesando così in maniera evidente sui piani di rientro.

 

L’importanza dell’informazione

 

Proprio alla luce di quanto detto, si può comprendere l’importanza di poter contare su un’informazione adeguata, in grado di aiutare i consumatori a schivare le trappole che le aziende poco serie sono solite seminare sul loro cammino. Avere notizie fresche e continui aggiornamenti su quanto accade nel mondo del credito può rivelarsi un ottimo modo per disboscare il terreno e incamminarsi sulla strada in grado di condurre infine a prestiti in grado di evidenziare ottimi livelli qualitativi. 

A svolgere questa preziosa funzione sono soprattutto i portali e i siti online dedicati al tema, ove gli utenti possono reperire una notevole mole di informazioni e suggerimenti che hanno il preciso intento di condurli a separare i prodotti convenienti da quelli che invece sarebbe il caso di evitare attentamente.

I prestiti con cessione del quinto sono effettivamente tra quelli più pericolosi in assoluto per i consumatori italiani, che nonostante la tante zone d’ombra messe in evidenza dal settore nel corso degli ultimi anni, continuano ad essere molto gettonati nel nostro Paese anche per la facilità con cui possono essere ottenuti.