Prestiti velocissimi ottenibili in sole 24 ore: come richiederli?

Pubblicato il

Ottenere un prestito veloce sta diventando sempre più necessario per determinate categorie di soggetti che si trovano ad affrontare determinate esigenze e\o difficoltà. Spesso però ci rendiamo conto che, per quanto siano veloci, molti prestiti però non permettono a chi li richiede di ottenere la somma di cui hanno bisogno dei tempi stabiliti. Ma se avete bisogno di una somma in sole 24 ore, a chi potete rivolgervi?

Ottenere un piccolo prestito in sole 24 ore potrebbe sembrare materiale da film di fantascienza. In realtà però la verità è che ci sono alcuni istituti di credito che vi permettono di ottenere una somma in prestito in sole 24 ore. Addirittura alcuni istituti di credito si sono specializzati proprio nell’offrire ai loro clienti dei prestiti che definire velocissimi sarebbe anche poco.

Per ottenere un prestito in sole 24 ore la prima

Caratteristiche e requisiti dei prestiti a titolo personale

Pubblicato il

I prestiti personali rappresentano sicuramente una delle categorie di prestiti più diffuse e popolari. Questa situazione deriva da diversi fattori che rendono questi tipi di prestiti davvero comodo da richiedere. In effetti i prestiti a titolo personale sono richiedibili da diverse categorie di soggetti, ma sopratutto non prevedono alcun vincolo sull’utilizzo che andrete a fare della cifra che otterrete in prestito. Quindi sono ideali per chiunque voglia ottenere in prestito una determinata somma che utilizzerà poi per diversi obiettivi che potrebbero essere l’acquisto di beni e servizi, il finanziamento degli studi, un viaggio o oltre scopi diversi. A differenza di un prestito finalizzato che invece è richiedibile solo per degli obiettivi ben precisi e che quindi vincola chi lo ottiene a utilizzare la cifra solo per quello scopo, i prestiti a titolo personale sono molto più flessibili e rappresentano quindi

Chi può ottenere un prestito per giovani?

Pubblicato il

Per muovere l’economia, e concedere ai ragazzi la possibilità di realizzarsi e costruirsi un futuro migliore, banche e istituto di credito hanno pensato a una serie di prestiti dedicati ai giovanissimi. Tutte queste soluzioni sono state studiate per sposare le esigenze dei ragazzi di un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, e possono essere di varia natura e genere. Come è facile immaginare spesso i più giovani non dispongono di particolari garanzie da fornire alla banca, che per questo motivo ha provveduto a creare nuove opportunità per questo target di clienti. A breve vedremo nel dettaglio a chi sono rivolti questi finanziamenti, e cosa di meglio hanno da offrire. Ulteriori informazioni e approfondimenti invece sono reperibili sul sito internet dedicato I Prestiti Per Giovani.

Una delle cose che più preme i giovani d’oggi è l’istruzione, che come

I piccoli prestiti aiutano l’economia

Pubblicato il

Anche nel corso del 2018 si è registrata una notevole avanzata dei piccoli prestiti, ovvero di quei finanziamenti che vanno ad attestarsi solitamente sotto i 3mila euro. Si tratta di soluzioni tese evidentemente a soddisfare un determinato bisogno, ad esempio una vacanza o l’acquisto di elettrodomestici, molto gettonate in quanto non comportano un eccessivo peso e possono dare fiato all’economia, supportando l’attitudine al consumo delle famiglie.

Proprio per questo i piccoli prestiti sono da considerare un notevole aiuto per l’economia italiana, in quanto spingono i consumatori a spendere senza dover preoccuparsi dell’erosione di bilanci familiari ancora in affanno dopo le cure dimagranti degli anni passati.

I piccoli prestiti online

Sono sempre di più le persone che optano per il credito online. Se sino a qualche tempo fa erano soprattutto i più giovani ad utilizzare le nuove tecnologie

Prestito con delega di pagamento: meglio cercare altre soluzioni?

Pubblicato il

Il prestito con delega di pagamento, indicato altrimenti come doppio quinto, è una formula che va in pratica a riflettere i problemi che sono emersi nel corso degli ultimi anni in relazione alla semplice cessione del quinto di stipendio o di pensione. 

Se solitamente si indica nell’obbligo di assenso del datore di lavoro il vero problema del prestito con delega, occorre invece segnalare come in fondo questa sia proprio l’ultima delle criticità evidenziate da questa formula. Mentre sono molto più stringenti i problemi sollevati dagli alti tassi di interesse che vengono fissati dalle finanziarie che lo erogano, che vanno ad attestarsi spesso a cavallo della cosiddetta soglia di usura. Considerato come con il doppio quinto l’entità della somma in gioco vada praticamente a raddoppiare rispetto a quello semplice, si può capire come alla fine la somma

L’allarme della FED sui prestiti auto

Pubblicato il

Per l’economia a stelle e strisce sembra essere prossimo un nuovo pericolo. Secondo le notizie che ormai da mesi girano negli Stati Uniti, un gran numero di americani avrebbe serie difficoltà a pagare le rate della propria automobile. Ad affermarlo è un report della Federal Reserve Bank di New York, secondo cui ammonterebbe a più di 7 milioni di persone il numero di coloro che hanno raggiunto un grave livello di morosità nel pagamento delle rate della propria auto, intendendo come tale perlomeno i 90 giorni. 

A spiegare meglio la questione è stata Heather Long sulle colonne del Washington Post, ricordando come un altissimo numero persone insolventi stia solitamente ad indicare un “segnale di difficoltà significativa fra i cittadini americani che hanno un reddito basso e/o fanno parte della working class”. Si tratta peraltro di consumatori i

Cessione del quinto: è la formula più controversa

Pubblicato il

Quando si parla di cessione del quinto, occorre ricordare che si tratta non solo della formula più gettonata in assoluto nel nostro Paese, ma anche della più controversa. A confermare quest’ultimo dato sono proprio le statistiche provenienti dall’Arbitro Bancario Finanziario, l’organismo stragiudiziale cui sono affidate le controversie tra consumatori e aziende di credito. Secondo Bankitalia nel solo 2017, ultimo anno di cui è possibile avere i dati, i dissidi relativi alla cessione del quinto hanno infatti costituito addirittura il 73% del complesso di ricorsi che hanno interessato l’ABF, segno evidente che qualcosa non funziona.

E’ del resto la stessa Banca d’Italia a chiedere agli operatori del settore di fare a meno di una lunga serie di comportamenti al minimo poco trasparenti, attuati con l’evidente intento di ingannare la propria clientela e aumentare ulteriormente i già

Ad aprile crescono i prestiti in Italia per le famiglie, ma calano per le imprese

Pubblicato il

Nel mese di aprile sono cresciuti i prestiti alle famiglie, mentre hanno fatto registrare un arretramento i finanziamenti alle imprese. La fotografia del credito tricolore è stata scattata da Bankitalia, con il suo bollettino statistico “Banche e moneta”, secondo il quale  i prestiti alle famiglie sono cresciuti del 2,6 per cento (un decimale in più rispetto al mese precedente), mentre quelli alle società non finanziarie sono diminuiti dello 0,6 per cento (come era del resto accaduto a marzo). Da sottolineare anche il dato relativo alle sofferenze, che sono diminuite del 37,6% su base annua (-37,7% in marzo), in conseguenza di alcune operazioni di cartolarizzazione.

Una situazione quindi ancora abbastanza confusa, con le aziende che stentano ancora a trovare ascolto presso un sistema creditizio che pure sembra meno oberato dai crediti inesigibili. Mentre va notevolmente meglio alle

Cosa accade quando la segnalazione nel SIC è illegittima?

Pubblicato il

Come è noto, quando non si pagano le rate di un prestito si rischia di finire in un elenco di cattivi pagatori. In pratica nel nostro Paese esiste il SIC, Sistema di Informazioni Creditizie, il quale può introdurre il malcapitato in quello che da molti è indicato alla stregua di un vero e proprio girone infernale. Una volta che il proprio nome sia stato segnalato, infatti, la strada per l’accesso al credito rischia di farsi estremamente complicata, inasprendo le condizioni che il sistema creditizio riserva agli interessati. Il fatto è che a volte tale iscrizione avviene in maniera illegittima. Cosa accade a quel punto?

 

Il diritto al risarcimento

Per capire i danni che possono derivare dall’iscrizione nel SIC, basterà ricordare che in questo caso  non si possono firmare assegni o utilizzare le carte di credito, ci

Lo strano caso dei bagnini che non si trovano si sgonfia sul nascere

Pubblicato il

 

Nei giorni passati ha destato una certa impressione la notizia secondo la quale a Gabicce Mare scarseggerebbero i lavoratori stagionali da impiegare negli stabilimenti balneari. A far deflagrare la polemica sono stati il sindaco di Gabicce e l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi, secondo i quali il dato sarebbe da attribuire al Reddito di Cittadinanza.

Una polemica smontata sul nascere dal presidente degli albergatori di Gabicce, il quale ha ricordato trattarsi di una questione vecchia di anni. Cui si potrebbe aggiungere come a far mancare persone da impiegare siano proprio gli stipendi offerti, reputati con tutta evidenza troppo bassi in considerazione di orari di lavoro prolungati e delle difficoltà insite appunto nel fatto di trattarsi di occupazioni che durano solo per i mesi estivi.

Va anche sottolineato che forse sarebbe il caso di iniziare a